Rebecca, 18 anni, vende la verginità per curare la madre

Dettagli

E' stata ispirata da una sua connazionale, che poco tempo fa aveva messo in vendita la sua verginità per pagarsi gli studi, Rebecca Bernardo, diciottenne brasiliana. Stessa "strategia", diverso lo scopo: Rebecca infatti vorrebbe ricavare dei soldi che le permetterebbero di curare la madre malata, e per questo non ha ancora stabilito il fatidico prezzo. 

Rebecca ha una storia triste alle spalle: dopo la madre malata, una sorella morta e un padre mai conosciuto. Non per mancanza di valori, ma per disperazione quindi Rebecca ha preso questa decisione. Nel video, in cui promuove se stessa, racconta questa storia, attraverso la quale spera di trovare un uomo facoltoso che pagherà non tanto per avere l'esclusiva di violare la sua illibatezza, ma per essere colui che le cambierà la vita.


{{likebox}}

Clicca qui per condividere su FaceBook

Sposa l'assassino di sua sorella gemella: ''Insieme saremo felici''

Dettagli

BUENOS AIRES - Un amore che non manca di suscitare scalpore quello tra la 22enne argentina Edith Casas e Victor Cingolani. I due si sposeranno oggi, ma a fare notizia è il fatto che lui sia stato condannato per l'omicidio della sorella gemella della sua futura moglie. Il matrimonio avverrà in un carcere di Santa Cruz, nella Patagonia argentina. 
«Ho voluto bene a Johana ma amo Edith, una bella fidanzata che intendo sposare», ha confermato oggi il giovane. I media locali ricordano che per l'omicidio di Johana è stato arrestato non solo Cingolani ma anche un altro suo ex fidanzato, Marcos Diaz. «Lui non l'ha uccisa, è un uomo incapace di picchiare. Prima o poi uscirà dal carcere e saremo felici», ha d'altra parte dichiarato la futura sposa. Ma la madre delle gemelle, Marcelina Orellana, ha assicurato alla stampa che cercherà fino all'ultimo minuto di fare di tutto affinchè il matrimonio non avvenga.
{{likebox}}
Clicca qui per tutte le altre notizie assurde!

Clicca qui per condividere su FaceBook

Troppo sexy: la banca la licenzia!

Dettagli

Troppo bella da essere licenziata. Sembra una boutade, invece è quanto accaduto per davvero a Debrahlee Lorenzana, una 33enne di origini portoricane che lavorava a Manhattan in una filiale della banca Citigroup.  

La donna, licenziata la scorsa estate, ha ora fatto causa alla banca affermando di non essere stata mandata via per le sue scarse doti lavorative, ma solo per la sua eccessiva bellezza. I suoi problemi sono iniziati quando i suoi superiori hanno iniziato a proibirle un determinato abbigliamento, dalla gonna ai tacchi alti, fino ai pantaloni troppo aderenti: richieste alle quali Debrahlee ha risposto puntando il dito sulle altre colleghe, dall'abbigliamento, a suo dire, molto più provocante di lei. "Le loro forme sono diverse dalle tue", si sarebbe sentita rispondere la ragazza, madre, tra l'altro di una bimba di 12 anni. 

Alla fine, dopo mille discussioni sull'abbigliamento, è stata licenziata: scelta legata "agli scarsi risultati sul lavoro", hanno detto dalla CItigroup, ma lei non si arrende. Il suo caso potrebbe davvero fare scuola.

{{likebox}}

Clicca qui per tutte le altre notizie assurde!

 
Clicca qui per condividere su FaceBook

Ninfomane 26enne non vuole farsi curare: ''Mi basta fare sesso 5 volte al giorno''

Dettagli BERLINO - Arabella è una ragazza tedesca di 26 anni che ha deciso di parlare della sua dipendenza da sesso in una confessione al giornale Bild. Ninfomane, non ha alcuna intenzione di curare la sua malattia, anche se questa va a scontrarsi con le normali faccende quotidiane oltre che con una vita sentimentale normale. Per ora non ne fa un problema: “Ho bisogno di fare sesso almeno cinque volte al giorno”.

Arabella si è accorta della sua dipendenza dal sesso all'età di 16 anni. Il suo primo fidanzato inizialmente sembrava
Clicca qui per condividere su FaceBook

Leggi tutto: Ninfomane...

Litiga con la fidanzata e si risveglia con lei che gli sta strappando a morsi lo scroto

Dettagli JERSEY CITY - Ha strappato a morsi lo scroto al suo fidanzato dopo un litigio. L'uomo di Jersey City è stato assalito nel sonno, svegliato dal dolore per la ferita nelle parti basse.  
Linda Mendez, questo il nome dell'affamata 40enne, è stata accusata questa mattina di aggressione aggravata e violenza domestica, nonostante le obiezioni del suo ragazzo, che non ha voluto sporgere denuncia. La vittima, un uomo di 46 anni, ha detto di aver litigato con la compagna ed essere andato a dormire per evitare ulteriori discussioni, ma pochi minuti dopo
Clicca qui per condividere su FaceBook

Leggi tutto: Litiga...

   
   
   

Cerca in BakOOm  

   

Aggiungici su FB  

   
© BakOOm